Gli scogli ad Etretat
Monet
Gli scogli ad Etretat
1885, Clark Art Institute, Williamstown


Etretat


La località di Etretat, nel territorio di Caux, cattura l'attenzione di Monet sin dall'inverno del 1868-1869. In seguito, l'artista ritorna in questi luoghi ogni anno dal 1883 al 1886. Proprio come molti altri pittori, tra i quali spicca Gustave Courbet, Monet rimane affascinato dall'aspetto pittoresco del posto al quale si è del resto ispirato per una cinquantina di tele.

La configurazione di "queste alte falesie caratterizzate dalla presenza di tre singolari aperture chiamate Porte" (Maupassant, Addio, 1884) conferisce un aspetto particolare al paesaggio. La più ampia delle tre aperture nelle falesie, la Manneporte, "volta enorme attraverso la quale passerebbe anche una nave" (Maupassant, La Roche aux Guillemots, 1882), appare soltanto su due quadri di Monet.

In questo stesso anno, Monet incontra spesso Maupassant, che risiede a Etretat. Lo scrittore ha scelto questo luogo come ambientazione di molti suoi Racconti e Novelle. La sensibilità dello scrittore che si manifesta lungo le sue pagine descrittive, corrisponde profondamente a quella del pittore. Del resto, questa vista raffigurante la falesia illustra i legami esistenti tra pittura e letteratura nel XIX secolo, così come l'attaccamento di Monet alla costa normanna. D'altronde, i ripetuti studi di falesie eseguiti da Monet, rappresentano l'annuncio delle "serie" che, nel corso del decennio seguente, sarebbero nate dal pennello dell'artista.

Hotel Blanquet

Hotel Blanquet
Gli scogli ad Etretat
Monet
Gli scogli ad Etretat
1885, Clark Art Institute, Williamstown